Home / Senza categoria / Niente assicurazione per l’auto in cortile.

Niente assicurazione per l’auto in cortile.

Niente assicurazione per l’auto ferma in cortile.

di Valeria Zeppilli – A inizio settembre, la Corte di giustizia dell’Unione Europea ha emanato una sentenza che ha fatto subito discutere. In essa si sanciva, infatti, che i veicoli devono essere assicurati per la responsabilità civile anche quando sono fermi in un’area privata (leggi Automobile assicurata anche se ferma in cortile).

Per ora, però, i cittadini italiani non devono preoccuparsi troppo.

La normativa italiana

La questione oggetto della decisione dei giudici di Lussemburgo riguardava, infatti, la normativa del Portogallo e non quella dell’Italia. Nel nostro paese è ancora pienamente vigente quanto stabilito dalle norme nazionali, che sono quelle applicabili agli automobilisti italiani e che, attualmente, escludono l’obbligo assicurativo per i veicoli in sosta su aree private.

PUBBLICITÀ

L’articolo 122 del codice delle assicurazioni, innanzitutto, afferma infatti che:

“I veicoli a motore senza guida di rotaie, compresi i filoveicoli e i rimorchi, non possono essere posti in circolazione su strade di uso pubblico o su aree a queste equiparate se non siano coperti dall’assicurazione per la responsabilità civile”.

Vi è poi l’articolo 193 del codice della strada, che stabilisce che:

“I veicoli a motore senza guida di rotaie, compresi i filoveicoli e i rimorchi, non possono essere posti in circolazione sulla strada senza la copertura assicurativa a norma delle vigenti disposizioni di legge sulla responsabilità civile verso terzi”.

Considerate tali norme e la circostanza che la giurisprudenza non ha dato sino a oggi significative interpretazioni di segno contrario, gli automobilisti che decidono di risparmiare sull’assicurazione lasciando i veicoli sempre in sosta in aree private non aperte al pubblico transito e non circolando, non devono preoccuparsi troppo della pronuncia della Corte di giustizia.

I negoziati europei

Tuttavia, come riporta il Sole 24 Ore, la situazione potrebbe presto cambiare.

Il Consiglio UE e la Commissione europea, infatti, hanno aperto un negoziato su una modifica della direttiva 2009/103 proposta lo scorso 24 maggio e che potrebbe portare, prima o poi, anche all’adeguamento della stessa all’interpretazione di recente data dalla Corte di giustizia.

Sul punto è alta l’attenzione dell’Ivass, pronta a proporre al Mise le opportune modifiche al codice delle assicurazioni e al regolamento sull’obbligo di assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti di cui al d.m. numero 86/2008.

 

x

Check Also

Vittoria Assicurazioni contribuisce al progetto “Un panettone per la ricerca”.

promosso dalla Fondazione Umberto Veronesi, per supportare il lavoro dei migliori ricercatori, impegnati a trovare ...

Metti al sicuro il tuo domani con il Fondo Pensione Aperto Vittoria Formula Lavoro.

Metti al sicuro il tuo domani con il Fondo Pensione Aperto Vittoria Formula Lavoro. Scopri ...